Classe CU 1 – Come raggiungerla?

board-536559_1920

La classe di merito più bassa, ossia la classe universale (CU) 1, è l’obiettivo di tutti coloro iniziano ad assicurare la propria autovettura. Con questa classe infatti, i premi assicurativi, sono decisamente più bassi e si può usufruire delle tariffe più convenienti e competitive del mercato.

Come posso raggiungere questo beneficio?

Le strade per arrivare ad avere la classe in esame sono esclusivamente due :

  1. partire dalla cu 14 e sperare che, per 14 anni la propria guida sia impeccabile e non causi alcun tipo di incidente
  2. partire da una classe più bassa, usufruendo della legge Bersani

Nel primo caso, parliamo di persone che vivono sole e che non hanno mai assicurato macchine. Nel secondo caso invece, molto più interessante per le proprie tasche, si può prendere la classe di merito da una persona convivente che ha già un auto assicurata. Qualsiasi classe sia, è buona, piuttosto che partire dalla cu 14.

Precisazione sulla classe di merito “Bersani”

L’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni, modificato nel 2007 dall’applicazione della legge Bersani, ha introdotto la possibilità di assicurare un veicolo acquistato (nuovo o usato) utilizzando la stessa classe di merito di un altro veicolo già di proprietà e con una polizza attiva. Questa agevolazione è sicuramente conveniente, offrendo un abbattimento dei costi importante. Bisogna, però, specificare un dettaglio, una classe di merito 1 acquisita da un’altra vettura, eredita sì la classe ma non le stesse tariffe e premi. Questo è anche giusto, pensate a vostro padre, madre, sorella o fratello, hanno “sudato” per conquistare la classe 1. Poi arrivate voi, e senza “alcuno sforzo” avete gli stessi sconti e parametri loro, non è corretto. Giusto?

Inoltre, per raggiungere il pieno privilegio della suddetta legge, devono trascorrere i famosi 5 anni sull’attestato di rischio. Passati i quali, apparirà cu 1 senza alcun sinistro, con una tabella che riporta tutti 0.

E quindi :  obiettivo raggiunto!

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *