Casa : un bene primario, ma trascurato!

rock-island-123406_1280

L’80% delle famiglie italiane ha una casa di proprietà

L’analisi condotta da una rete di agenzie immobiliari, dimostra questo importante dato. La fascia di età maggiore di chi compra casa è tra i 35 e i 45 anni, tendenzialmente riguarda persone con un lavoro dipendente, operai ed impiegati, a seguire troviamo liberi professionisti, imprenditori e pensionati.

Da questa ricerca, viene dimostrato che le famiglie italiane, proprio come decenni fa, vedono nella casa di proprietà, il loro rifugio, la loro protezione dal mondo esterno.

Per cui, con una statistica così rilevante, tutti avranno stipulato una polizza a garanzia della loro casa. E invece NO!!! Se andiamo a verificare, quanti hanno una semplice copertura per la responsabilità civile (danni a terzi), che li protegga veramente, ci troviamo una percentuale disarmante : appena il 25% di coloro che hanno acquistato un alloggio ha contratto un’assicurazione.

I rischi a cui si va incontro sono innumerevoli, dal più banale come la rottura di un tubo, ai danni più disastrosi come una fuga di gas, un incendio. Immagina se partisse un incendio da casa tua e si propagasse in tutto il condominio. Chi paga tutti i danni provocati? Chi risarcisce questo gravissimo evento? Chi gestisce una situazione così tragica? Sono solo due esempi, ma la lista potrebbe essere lunghissima, ogni giorno purtroppo, succedono gravità simili.

Trovarsi sommersi da infiniti problemi, quando bastava stipulare un contratto, con una spesa di dieci euro al mese e sapere che, le tue spalle erano coperte, da una solida compagnia che fa i tuoi interessi.

Se, leggendo queste pochissime righe, hai realizzato quanto sia importante avere delle adeguate coperture e vorresti avere un preventivo su misura per te, puoi scriverci alla nostra email info@palmassicurazioni.it oppure contattarci telefonicamente allo 011/2052518, saremo lieti di spiegarti ed offrirti la miglior consulenza per le tue esigenze.

 

 

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *