Alcool al volante, pericolo costante!

glasses-919071_640

Un rischio smisurato se non richiamato in polizza 

Dopo aver letto un elenco dei possibili danni che l’alcool può recare alla salute, ho smesso di leggere” 🙂 così citava una frase umoristica di Henry Youngman.

Andare ad una festa, fare un aperitivo, l’invito ad un matrimonio, sono eventi a cui ognuno di noi ha partecipato almeno una volta nella propria vita. Momenti belli, dove ci divertiamo e svaghiamo, però alla conclusione della giornata o serata, dobbiamo prendere la macchina e guidare per tornare a casa.

Le limitazioni all’assunzione di alcool sono molto restrittive, bere un solo bicchiere di vino, corrisponde ad essere fuori norma e guidare un veicolo con un tasso alcolemico superiore allo 0,5 g/litro consentito, costituisce un reato. Le conseguenze di tale comportamento, non si limitano solo alla sospensione/revoca della patente ed alle sanzioni penali, quello rilevante è che, la compagnia ha il diritto di poter fare rivalsa sul proprio assicurato. In buona sostanza, la compagnia risarcisce tutto il danno provocato a terzi e dopo, può chiedere indietro l’intera somma al responsabile del sinistro.

Le statistiche parlano chiaro, 1 su 3 degli incidenti gravi, riguarda la guida in stato d’ebbrezza.

Fortunatamente, il rischio che la compagnia chieda indietro i propri risparmi si può evitare alla stipula del contratto, inserendo all’interno della polizza dell’auto la rinuncia alla rivalsa, con un costo aggiuntivo ridicolo rispetto alla protezione che offre, a seconda delle compagnie, l’aumento è tra il 2% ed il 5% del premio Rca.

Sono eventi importanti che purtroppo capitano quotidianamente. Tutti devono avere questa garanzia in polizza, specialmente chi possiede una casa, dei fabbricati, chi ha una famiglia, un lavoro, dei risparmi oppure degli oggetti di valore, è essenziale prendere in mano la polizza e controllare tra le righe se è attiva questa piccola grande copertura, che mette al riparo dagli infiniti imprevisti.

Simone Palma

 

 

 

Condividi...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *